Castello di Gussago

942.jpg
942.jpg
943.jpg
944.jpg
945.jpg
946.jpg
947.jpg
948.jpg
949.jpg

Dettaglio

Posto su un colle a dominio dell’abitato di Gussago, fin dal medioevo l’ex complesso domenicano della Santissima caratterizza il paesaggio di questo estremo lembo di Franciacorta. Luogo di devozione ed elevazione dello spirito, la Santissima è stata nell’Ottocento un importante cenacolo di cultura, ospitando protagonisti delle arti come Rodolfo Vantini, Gian Battista Gigola, Luigi Basiletti e Angelo Inganni. Le recenti opere, volute dalla Fondazione Richiedei, hanno arrestato il degrado dell’edificio e l’hanno restituito alle forme neogotiche che il Vantini le aveva conferito all’inizio del secolo scorso. L’esistenza di una chiesa rurale “in monte di Barbisono” nel territorio di Gussago è attestata per la prima volta da un’indulgenza emanata nel 1460 da papa Pio II “pro loco Trinitatis Gussagi”. Della chiesetta, di giurispatronato della Comunità di Gussago, nulla si sa circa la data di costruzione, ma nel 1460 è detta “quasi reparata”: dunque già abbastanza vecchia da richiedere restauri. Diciannove anni dopo Sisto IV ne decreta l’unione al convento bresciano di San Domenico, che voleva fare del “romitorio” una casa per evadere dalla città in tempi di “pestifera infirmitade” e per la villeggiatura nei periodi estivi. Nei secoli XVI-XVII i Domenicani, attivi a Gussago anche come inquisitori, sottopongono la Santissima a varie opere di adattamento: vengono ampliati il nucleo abitativo e le strutture necessarie alla coltivazione della vite ed alla raccolta di erbe medicinali e di legna per il monastero della città. Modifiche sono apportate anche alla chiesa: sulla facciata romanica viene aggiunto un portico con colonne in pietra, mentre all’interno sono inseriti contrafforti sui quali si innesta una copertura a crociere. Volte e pareti vengono riccamente affrescate, quasi certamente da Paolo da Cailina il Giovane (1458 ca. – dopo il 1558?): tra le altre si segnala due figure di Domenicani, due profeti, un padre Eterno in gloria e un toccante Cristo sul sepolcro; la splendida pala della Santissima Trinità è oggi conservata presso la sede della Fondazione Richedei. Fonte sito di gussago Per ulteriori info consultare il sito ufficiale
Voti
★★★★★
1 vota
Preferito:
0
Mappa
Recensioni (1)
diLu

November 5, 2012

Complimenti per le foto, questo è uno dei miei posti preferiti :-) vista mozzafiato

Invia Recensione»

Per offrirti un buon servizio utilizziamo i cookies. Info cookie.

Acconsenti?